SHOPIFY REUNITE 2020: QUALI AGGIORNAMENTI PER I MERCHANT ITALIANI?

Ieri per la prima volta Unite, la conferenza annuale di Shopify dedicata ai suo Partner di tutto il mondo, ha aperto le sue porte ai merchant, diventando Re(Unite) - evento in live streaming su scala globale in cui sono state snocciolate tutte le feature lanciate in questi giorni e in roadmap per i prossimi mesi della piattaforma e-commerce.

Molti degli annunci sono per il momento disponibili solo per gli US: abbiamo quindi deciso di fare una selezione di quelli invece più rilevanti per il mercato italiano, con un occhio di riguardo verso i ristoratori che stanno decidendo di iniziare a vendere online tramite un proprio sito e i brand del Made in Italy che desiderano aprirsi all’estero.

1. NUOVO TEMA EXPRESS PER LA RISTORAZIONE

Shopify ha appena messo online il loro nuovo tema gratuito Express, particolarmente adatto a caffè e ristoranti e a quei commercianti che desiderano andare online più velocemente possibile. Disegnato per un’esperienza semplice e veloce, Express rende l’intera esperienza di acquisto navigabile da una singola pagina ed è ottimizzato per mobile.

Preview del tema Shopify Express

Questo nuovo tema, insieme alle caratteristiche di ritiro in negozio e consegna a domicilio, può rappresentare una solida alternativa per quei ristoratori che desiderano aprire un canale alternativo rispetto ai classici network di food delivery, sicuramente efficienti ma dalle fee molto alte.

2. CONSEGNA A DOMICILIO, RITIRO IN NEGOZIO, MANCE AL CHECKOUT

Donna con pacco appena consegnato sull'uscio di casa

Shopify è riuscita a rispondere in modo tempestivo alle esigenze dei piccoli commercianti nel momento di crisi causato dal Coronavirus. Caratteristiche che prima richiedevano app di terze parti sono ora integrate nativamente all’interno di tutti i piani di abbonamento, rendendo l'attività degli store locali facilmente pianificabile e dando disparate scelte di consegna all’utente.

Nello specifico, Shopify sta implementando al checkout l’opzione di ritiro in negozio (anche per negozi e ristoranti con più di una sede) e consegna a domicilio - con possibilità di perfezionare queste opzioni con fee differenziate, raggi d’azione per limitare le singole modalità di consegna e di pianificare le proprie consegne grazie a un’app specifica.

Per finire, è ora disponibile la possibilità di aggiungere una mancia al checkout, e, grazie al testo completamente customizzabile, la stessa funzione può essere utilizzata per raccogliere donazioni per una causa che si desidera supportare con il proprio store (ne parliamo qui più nel dettaglio).

3. NUOVO SHOPIFY POS

Se ne parla già da qualche settimana, ma Shopify ha recentemente completamente rinnovato il proprio sistema POS, aumentando la possibilità di personalizzarne l’interfaccia - anche con l’aggiunta di app terze - e presto andando ad implementare soluzioni di pagamento al 100% contactless tramite la lettura di un QR code - aiutando quindi il distanziamento sociale richiesto dalle autorità.

Utilizzo di Shopify Pos da parte di un merchant

Presto non solo i commercianti ma anche i consumatori potranno verificare quale merce è disponibile in-store, rendendo ancora più completa la compenetrazione tra shopping online e in negozio.

4. UNA NUOVA INTERNAZIONALIZZAZIONE: DOMINI LOCALI, PREZZI DIVERSIFICATI PER PAESE E DAZI DOGANALI

Alcune delle richieste più pressanti da parte di merchant e partner rispetto all’internazionalizzazione degli store online sembrano avvicinarsi all’essere esaudite: Shopify ha infatti annunciato la possibilità di assegnare domini locali diversi a uno specifico paese o valuta. Questo, grazie al tag html href lang, contribuirà a una corretta indicizzazione SEO per ciascun paese.

Non solo: la nuova caratteristica di Custom FX renderà possibile personalizzare i listini per paese/valuta diverse, consentendo ai singoli merchant di creare regole ad hoc per la conversione e aggiustamento prezzi del proprio catalogo. I proventi delle proprie vendite continueranno però ad arrivare nella propria valuta.

Sembra inoltre che il calcolo automatico dei dazi doganali per il commercio oltre confine stia avvicinandosi ad un rollout definitivo: tutte caratteristiche fondamentali per le eccellenze Made In Italy, che sempre più spesso vedono in un pubblico estero la fetta più nutrita dei propri clienti.

5. ALTRI AGGIORNAMENTI IMPORTANTI

Dopo avervi illustrato i quattro punti che riteniamo fondamentali per le realtà italiane alle prese con il commercio online in questi mesi, desideriamo anche fornirvi un breve recap degli altri elementi annunciati che sono - o saranno - disponibili in Europa nei prossimi mesi.

  • Shopify implementerà la possibilità di utilizzare le sezioni di un tema, al momento principalmente disponibile solo in home page, a tutte le pagine del proprio store (pagina prodotto, pagina collezione, pagine statiche, …). Questa è una news rivoluzionaria per coloro che desiderano avere un controllo completo del look del proprio sito.
  • Sembra che finalmente ci si stia avvicinando a un’implementazione degli abbonamenti, membership e subscriptions al checkout. Rimaniamo sintonizzati.
  • Recentemente è stato lanciato Shopify Email, servizio di email marketing nativo di Shopify gratuito fino ad ottobre.
  • Facebook, in collaborazione con Shopify e altre grandi piattaforme del commerce, ha lanciato Facebook Shops, anche se il checkout incorporato su Facebook è al momento disponibile solo negli Stati Uniti.
  • Per i business di dimensioni medio-grandi sono state introdotte due funzionalità molto interessanti: Purchase Orders, che tiene traccia degli ordini ai propri fornitori e permette di gestire l’inventario assieme a loro, e un’interfaccia estremamente più versatile e operativa degli ordini cliente, in cui molte delle operazioni potranno essere finalizzate senza dover accedere al singolo ordine.
  • Per concludere, Shopify ha fatto degli ulteriori interventi rispetto alla sua caratteristica più forte, cioè la velocità e la performance delle proprie tecnologie. Inoltre la stessa dashboard sarà implementata, rendendo molto più comprensibili le variazioni di performance come conseguenza di nuove azioni intraprese sul sito.

 

Sicuramente un anno di grandi annunci, che non vediamo l’ora di veder prendere vita nei prossimi mesi. Se siete un business che sta cercando di andare online per far fronte alla nuova situazione COVID-19 potete provare Shopify qui. Se avete domande, curiosità o vi serve una mano ad impostare il vostro Shopify store potete invece scriverci tramite il nostro contact form.